FILIKLI
Quando da cacciatore l'uomo divenne pastore, elaborò questa tipologia di tappeto, perché l'animale, prezioso per la mungitura, non poteva più essere sacrificato per ricavarne pellicce con cui ripararsi e coprirsi. Nacque dunque una tessitura che ne riproduceva l'aspetto e le qualità, utilizzando lana mohair ricavata dalla capra filik, oggi quasi estinta, insuperabile per morbidezza e calore.